FOBIE INFANTILI

By: | Tags: | Commenti: 0 | Gennaio 7th, 2019

Le paure sono più diffuse tra i bambini che nel mondo adulto: così come nascono, poi spesso si dileguano, e senza una ragione precisa. Come la maggior parte delle loro sensazioni, i bambini vivono, rispetto agli adulti, in modo molto più intenso e fluttuante anche le loro paure, perciò può risultare difficile distinguerle da qualcosa di patologico.

Ma di cosa si tratta esattamente?

La paura è una reazione innata a certe situazioni e si differenzia dalle altre emozioni che un bambino prova nel 1° anno di vita.

I bambini crescono e con essi si modificano anche le loro paure.

Appena nati hanno paura del rumore e, dopo un anno di vita, si spaventano alla vista di estranei. La paura degli animali si manifesta ad esempio tra i 2 e i 4 anni. Difficilmente esse, in quanto adattive al loro sviluppo psico-fisico ed emotivo, si aggravano al punto di trasformarsi in vere e proprie fobie invalidanti.

Il loro trattamento segue gli stessi principi di quello utilizzato per gli adulti. Il gioco però è il mezzo per avvicinare sempre di più il bambino a ciò che lo spaventa e per persuaderlo a sopportare la paura, fino a superarla.

I bambini devono imparare che l’ansia fa parte della vita e che tutti dobbiamo essere pronti ad affrontare le difficoltà e a superare le situazioni che incutono paura, senza mai chiedere loro sforzi eccessivi rispetto alle loro possibilità.

Indipendentemente dall’età, è molto più facile affrontare le situazioni stressanti se, in precedenza, qualcuno o qualcosa ci ha informato sulla situazione che ci attende e come gestirla.