5 assiomi comunicativi per migliorare il rapporto con figli adolescenti.

COME MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE CON I PROPRI FIGLI E SOPRAVVIVERE ALLA LORO ADOLESCENZA

By: | Tags: , , , | Commenti: 0 | Ottobre 18th, 2021

COME MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE CON I PROPRI FIGLI E SOPRAVVIVERE ALLA LORO ADOLESCENZA

Capita a tutti di dover far i conti con l’adolescenza dei propri figli e lo tsunami di emozioni che ogni giorno li colpisce. Difficile diventa per i genitori la gestione quotidiana di questo rapporto, consapevoli che ogni minima parola sbagliata può scatenare una reazione di quelli che fino a qualche mese prima erano teneri cuccioli di uomo. Come poter allora migliorare la comunicazione e renderla più efficace con loro diviene la chiave di lettura principale.

I 5 ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA:

Lo stile affettivo della comunicazione è quasi più importante del contenuto che si vuole veicolare ed è a ciò che dovremo prestare attenzione:

1. è impossibile non comunicare → la comunicazione è sia intenzionale che implicita, Anche i silenzi, l’indifferenza, la passività, la mancata protezione sono forme di comunicazione che portano con loro un significato e un messaggio al quale un figlio non può rispondere (sto comunicandogli questo: “tu non esisti, non sei importante per me, non hai valore”, ecc);

2. ogni comunicazione ha un livello di contenuto e uno di relazione → oltre a trasmettere informazioni, implica un contesto relazionale che definisce la natura stessa della relazione (aspetto metacomunicativo). È attraverso ciò che si sviluppa la consapevolezza e la coscienza del Sè;

3. la punteggiatura della sequenza di eventi → in particolare quella relativa agli scambi comunicativi con il figlio tende a differenziare la relazione tra gli individui coinvolti nell’interazione e a definire i loro rispettivi ruoli. Cioè si comunica in modi che dovrebbero essere più o meno stabili, coerenti e convenzionali, secondo uno schema di prevedibilità con cui affrontiamo la complessità delle relazioni;

4. comunicazione numerica e analogica → gli essere umani comunicano tramite questi due tipi di moduli. In particolare quello analogico ha a che fare con il significato attribuito alla relazione;

5. la relazione può essere complementare e/o simmetrica → gia di per sè la relazione genitore/figlio è asimmetrica visto il ruolo. Attenzione a non abusare di questo potere.

Provando a lavorare su questi aspetti, oltre a veicolare contenuti in modo assertivo, è possibile rendere meno difficoltoso il compito dei genitori di figli adolescenti. Prova a farci caso quando comunichi con lui e se ti va, raccontami la tua esperienza qui.

 

Invia Messaggio Tramite WhatsApp